Posts Tagged 'riforma elettorale'

Due o tre piccole bugie… che ancora resistono

Come spesso capita in ogni fine legislatura, ed il clima è sicuramente da fine legislatura, si discute di sistemi elettorali e come si è detto recentemente il partito che all’opposizione dovrebbe far pesare maggiormente la voce di chi non ha voce, è al solito afono o quando va bene monocorde.

Già si è detto di un referendum che vorrebbe ripristinare nell’attuale sistema, prevalentemente proporzionale, il ritorno alla preferenza insieme all’eliminazione del premio di maggioranza ed alla riduzione delle varie soglie di sbarramento ad una sola. Purtroppo questa iniziativa referendaria è naufragata per la volontà di buona parte del centro-sinistra di dare vita ad un’altra iniziativa.

Da più parti nell’opposizione si vorrebbe infatti un ritorno al sistema maggioritario e la Direzione del Partito Democratico ha approvato un documento in cui indica il maggioritario come proprio modello elettorale di riferimento. Da qui il lancio di un controreferendum, di cui è partita la raccolta firme, che potremmo definire come una bella ed ennesima truffa perpetrata ai danni degli elettori da parti di PD, IdV ed anche con il sostegno di SEL.

IL NOSTRO APPELLO E’ OVVIAMENTE QUELLO DI NON FIRMARE !

Con questo referendum rischieremmo di cadere nell’ennesimo trabocchetto gattopardesco in cui si cambia tutto per non cambiare nulla.

Riassumiamo i tre principali capisaldi della riforma elettorale maggioritaria-uninominale, voluta allora dal famigerato Mario Segni e da un nefasto risultato referendario del 1993 in cui Achille Occhetto, allora segretario PDS, faceva da portaborse o da portaborraccia al suddetto Segni. Da allora nacque il cosiddetto Mattarellum e gli elementi per cui risultava più democratico secondo i suoi sostenitori erano pressappoco questi:

1 – maggiore potere decisionale ai cittadini e minor peso delle segreterie di partito

2 – diminuzione del numero dei partiti presenti in Parlamento

3 – scelta diretta del governo del paese e maggiore governabilità

Si può dire che in diversi anni di sperimentazione del sistema maggioritario, il già citato Mattarellum dal 1994 al 2006, passando per ben tre elezioni e circa 8 governi, di queste vaghe promesse non ne sia stata realizzata nessuna.

Credo che tutti ricordiamo come venivano selezionati i candidati dei diversi collegi uninominali, catapultando spesso candidati  che nulla avevano a che fare con un certo territorio in un determinato collegio solo perchè quella zona o collegio elettorale, poteva garantire meglio l’elezione.

Inoltre la scelta dei candidati medesimi passava attraverso un accordo-compromesso tra le segreterie dei partiti che componevano le coalizioni e che si dividevano i collegi facendo eleggere chi loro desideravano fosse effettivamente presente alla Camera oppure al Senato. In sostanza un sitema solo vagamente più democratico di quello attuale che ci porta ad un parlamento di nominati e non di votati scelti dai cittadini. Votavamo una persona, ma non avevamo fondamentalmente alternative, dal momento che quello schieramento presentava solo quel candidato o quella candidata (do you remember Patrizia Toia e Nando Dalla Chiesa ???) L’unica alternativa era quella di votare candidati di altri schieramenti.

Sulla diminuzione del numero di partiti alla Camera ed al Senato si è anche qui millantato un falso mito. Si veniva eletti con una coalizione, ma una volta in parlamento si faceva parte ugualmente di un partito che poteva essere fatto nascere ad hoc dopo l’elezione. E questo è inevitabile con ogni sistema elettorale poichè la Costituzione Italiana sancisce che l’eletto non ha alcun vincolo di mandato. Conosciamo tutti le ben note evoluzioni-involuzioni del beneventano Clemente Mastella che, eletto da una parte, si spostava poi ad ogni stormir di fronde, facendo così venire meno maggioranze prima solide e poi invece decisamente fragili.

Inoltre, un’altra enorme falsità di rilievo istituzionale è questa: in Italia non si vota direttamente nè il governo e tanto meno il presidente del Consiglio ! Per fare ciò sarebbe necessario modificare la Costituzione. In Italia si è sempre votato, e speriamo sempre si voterà, per un Parlamento perchè la nostra forma istituzionale è quella di una Repubblica Parlamentare e non di una repubblica presidenziale. Quindi per ora i nostalgici degli uomini forti devono darsi una calmata !

Da questo scaturisce che il potere di un parlamento garantisce maggiormente un paese rispetto alle decisioni unilaterali di un presidente, che seppur democraticamente eletto, può fare un po’ ciò che vuole se non viene limitato da alcuni forti organi di controllo e da un sano sistema di veto da parte di altre cariche dello stato.

Per gli apassionati dei viaggi nel tempo si potrebbero ascoltare i discorsi di Segni nel 1993 e sovrapporli a quelli di Walter Veltroni del 2011. E’ decisamente imbarazzante vedere difendere l’indifendibile ed antidemocratico dall’ormai suonato Uolter de noaltri che ripete come una vecchia litania slogan logori e soprattutto ben consumati dal tempo e dalla prova dei fatti.

Ed ancora sarebbe bene ogni tanto sottolineare che la governabilità non è per nulla un valore e quindi la stabilità di un governo non ha maggiore rilievo rispetto alla rappresentatività. Sarebbe invece opportuno che un parlamento rispecchiasse specularmente quella che è la realtà di un paese e quindi fosse composto proporzionalmente rispetto alle opinioni che si manifestano nella libera democrazia dei cittadini.

Annunci

Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

agosto: 2019
L M M G V S D
« Ago    
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
Annunci