Coronavirus: è il momento per la sanità privata di restituire alla collettività

SanitàCoronaVirus

Permane l’emergenza sanitaria CORONAVIRUS che crea apprensione tra lavoratori e cittadini/e. Si fanno evidenti, le difficoltà della sanità pubblica sovraccaricata e falcidiata dai passati pesanti tagli economici dei governi e sperpero verso la sanità privata delle Regioni.

Da questa emergenza, che vede anche prime dure ripercussioni economiche (piccoli commercianti, partite Iva, comparto degli eventi, ristorazione e trasporto), se ne esce solo riproducendo la fiducia, che non può essere “consuma e ritorniamo alla normalità”. La  sensazione di normalità non è percepita, perché non vi è serenità di lavoro, scuola per i figli, per i genitori anziani, per le cure sanitarie.

Ci appare vergognoso il silenzio della “sanità privata-convenzionata”, che solo dopo un evidente accordo economico con Regione Lombardia, sembra intervenire con semplici azioni di supporto tampone. Noi riteniamo che “l’emergenza non si paga”, specie da strutture che ricevono milioni di euro dall’ente pubblico ogni anno.

Per questo il PRC ha lanciato una petizione on line insieme a Milano in Comune:http://chng.it/ZXX4vqfHY4 che in poche ore ha già raggiunto le 300 firme.

Vi invitiamo a diffondere anche il video di supporto lanciato e farne occasione di campagna politica, in un momento di grave difficoltà dei lavoratori e cittadini dell’area metropolitana di Milano e Lombarda.


I cittadini e cittadine milanesi e lombardi/e vivono con apprensione lo stillicidio di informazioni, spesso incoerenti, circa la gravità dell’emergenza Coronavirus. E, pur a fronte di messaggi di incoraggiamento a non fermarsi e ritornare alla vita normale (che sono sì utili ma solo se e quando tutti potranno godere della sufficiente fiducia e serenità), vediamo le nostre strutture sanitarie pubbliche – penalizzate da anni di continui tagli economici a favore del privato – in grave e crescente difficoltà, oltre che drammaticamente lasciate sole a affrontare l’emergenza e la normale attività.

Ci domandiamo perché di fronte alla grave emergenza che stiamo attraversando, le strutture private convenzionate, che – lo ricordiamo godono – di ingenti finanziamenti pubblici, non siano attivate a supportare gratuitamente la cittadinanza. Il primo passo per ristabilire quella fiducia e serenità da cui dipende la ripresa dell’attività economica, necessaria per il piccolo commercio e l’attività produttiva, è un segnale determinato di unità sul fronte sanitario.

Chiediamo pertanto un atto e/o un decreto che imponga alle strutture sanitarie private convenzionate di concedere, a titolo non oneroso e per tutto il tempo necessario, le strutture per l’emergenza di rianimazione, come per le analisi e supporto medico infermieristico, così da concorrere a ristabilire la dovuta serenità sociale.

Chiediamo inoltre che le strutture sanitarie private convenzionate siano richiamate a garantire quella continuità del servizio che, nei giorni scorsi non è sempre stata garantita ai pazienti che hanno scelto di rivolgersi, anche per prestazioni diverse da quelle strettamente collegate al Coronovirus, al privato convenzionato.

Riteniamo che il contributo del privato convenzionato a fronteggiare l’emergenza Coronavirus e la necessaria continuità del servizio sanitario siano requisiti fondamentali per mantenere il convenzionamento e, per questo, chiediamo un atto e/o un decreto che diano indicazioni in questo senso.


Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

marzo: 2020
L M M G V S D
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031