Un colpo al cerchio ed uno alla botte e poi uno bello grosso all’enorme ipocrisia di questo assurdo paese

WARNING !! WARNING !!

Prima di tutto un avviso generale, a chiunque si stia cimentando a leggere questo post. Si tratta di un post estremamente antipatico ed antipatizzante, nella maniera più letterale del termine. Si tratta di un pensiero che cerca di non seguire la corrente, nemmeno quella pietista, o quella che qualcuno oggi definirebbe “buonista”. Per cui chi pensa di trovarci il solito panegirico di questi giorni, quello sentito da tutte le tv e letto su tutti i giornali, teso ad incensare, beatificare, idolatrare e santificare Marchionne, smetta subito di leggere ed occupi in modo migliore il proprio tempo. Oppure vada avanti per il solo gusto di potersi sfogare sulla tastiera insultando l’autore del pezzo a lettura finita.

Beninteso; non troverete nemmeno festeggiamenti per la scomparsa dell’ex AD di Fiat-FCA, nessuno è così scemo da cadere nel tranello di dare libero sfogo, per di più in forma scritta, agli istinti più bassi e primordiali !! Troverete una lettura sicuramente critica e scevra da ogni coccodrillo, che ha iniziato a celebrare Sergio Marchionne nei giorni scorsi, a dipartita non ancora avvenuta, e continua e continuerà a farlo per  giorni a venire.

Altro avviso: se pensate che questo “ODIO DI CLASSE” sia troppo, e che sia assolutamente insopportabile, dedicatevi ad altro. Parlo di odio di classe perché sia ben chiaro, sopra ogni altro possibile ragionamento, che le classi sociali, per quanto ne dicano i giornali e i media, esistono ancora. Purtroppo, anche un sindacato troppo accondiscendente, ed ormai avulso da una seria battaglia per la difesa e la riconquista dei diritti, a 360 gradi, ha iniziato a diffondere la favola assurta al rango di notizia, per cui la lotta di classe è terminata.

NIENTE DI PIU’ FALSO !! Uno come Marchionne l’ha sempre combattuta, per la sua parte ovviamente, ed è andato anche oltre, non si è mai accontentato di vincere e ha voluto stravincere. Non ha mai avuto, per un solo momento, un atto di clemenza nei confronti di un avversario ormai stremato ed alle corde sotto tutti i punti di vista. E questo ha fatto di lui, un dispensatore di odio di classe.

L’ipocrisia di questo paese ha fatto, e continua fare, il resto. Chi muore, è sempre senza colpe, deve essere sempre dipinto come un eroe, un salvatore della patria, un’anima bella pronta ad entrare nel paradiso che qualcuno ha già arredato allo scopo. Questo è l’adagio che accompagna sempre le morti celebri, anche quando in vita il defunto non era poi questo fenomenale esempio di umanità…. Certo Marchionne ha sollevato FIAT da una grave crisi finanziaria, e più di ogni altra cosa è riuscito a valorizzarne il marchio ed il valore per gli azionisti, quello che gli esperti chiamano brand.

Non ha certo fatto di FIAT quel gruppo leader che non è mai stato !! Ad un certo punto è parso palese che la ricollocazione in una economia totalmente finanziarizzata imponesse di trattare la produzione di automobili, in sostanza quello che dovrebbe essere il core business di Fiat, in modo del tutto secondario, almeno in Italia. L’acquisizione di Chrysler ha condotto ad uno spostamento dei centri nevralgici della Fiat oltreoceano, con il conseguente trasferimento delle sedi governative della Fabbrica Italiana Automobili Torino in Gran Bretagna ed in Olanda, per ragioni meramente speculative e per i ben noti vantaggi fiscali.

E la produzione delle auto ?? Mirafiori e Pomigliano sono oggi dei fantasmi di quello che erano in passato, e cioè grandi stabilimenti per la produzione di automobili. Sotto la cura, o la scure,  di Marchionne i dipendenti degli stabilimenti FIAT in Italia, sono passati da 120mila a 29mila. Oltre 90.000 dipendenti in meno !! Esternalizzazioni, trasferimenti di produzione all’estero, diversificazioni industriali e tanto altro ancora….

Forse, e non sono certo il primo a dirlo, e a scriverlo, faremmo meglio a dire che non è FIAT ad avere acquisito Chrysler, ma l’esatto contrario !!

Ebbene in questi giorni qualcuno brandisce il crocefisso ed il vangelo come armi di distinzione di massa e di divaricazione di popoli, dimostrando di usarli come feticci, senza aver compreso minimamente il messaggio di Gesù Cristo. Ormai siamo piombati nell’epoca in cui, chi ancora prova ad attraversare il Mediterraneo, fuggendo da guerre, persecuzioni, carestie e miserie non trova accoglienza, perché l’Italia ha deciso di mostrare i muscoli, perché le vite perse in fondo al mare sono meno degne di essere vissute, perché forse quelle vite stesse appartengono a chi si trova una pigmentazione ed un dosaggio di melanina diverso dal Ministro Salvini, e dal defunto Marchionne. E poi perché la padella predisposta da Minniti è divenuta la brace di Salvini….

E qui, oltre al colore della pelle vale anche il colore dei soldi !! Non è mai solo una questione di etnie !! Come sempre è anche una questione di classe !! In questi stessi giorni la “pietas umana”, questo grande mercimonio di ipocrisia, esercitato a piene mani e dispensato generosamente, ha messo in mostra molti mercanti della parola che hanno visto bene di parlare del dolore di Marchionne erigendolo a modello e smettendo di ascoltare, o continuando a lasciare nel totale ed assordante silenzio, i dolori di chi vive ogni giorno sulla propria pelle la propria estraneità, donne e uomini dell’Africa, popolazioni rom, omosessuali, dal mainstream sociale della cultura dominante ed invadente nostrana.

Si è misurata e dosata la stessa pietà per quegli ex-dipendenti FIAT che hanno pagato con la disperazione ed il suicidio la perdita di un posto di lavoro che costituiva per sè e la propria famiglia l’unica fonte di sostentamento ?? Perché si sappia che è successo anche questo; persone si sono tolte la vita perché non reggevano più l’onta di un licenziamento oppure di un mobbing. Qualcuno piange con la stessa coerenza le centinaia di persone che perdono la propria vita sul lavoro perché questo paese, in maniera indegna per un paese industrializzato, “produce” un numero inverosimile di morti sul lavoro ogni santo giorno ??

Vorrei che un po’ della pietà che è stata dispensata a Marchionne raggiungesse anche queste persone, ma so che la retorica di stato vincerà anche questa volta. Ebbene tenetevi le vostre lacrime ed i vostri coccodrilli recitati anche in largo anticipo.

Personalmente salutando Sergio Marchionne, non ho e non  avrò alcuna nostalgia !! Ben sapendo che dopo un papa, oppure un re ne viene sempre, ed aggiungo purtroppo, un altro, crediamo ci siano diversi modi di fare impresa ed imprenditorialità. Ci sono stati e ci saranno molteplici modalità per guidare un’azienda. Inutile dire che il modello rappresentato da Adriano Olivetti rappresenta ancora oggi una strada maestra. La mia nostalgia ed il mio ricordo sono per lui !!

 

 

Annunci

Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

luglio: 2018
L M M G V S D
« Mar   Ago »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Annunci