Ordinanza n. 118 del 07.09.2017

A scomodare e parafrasare il mitico androide Roy Batty, dell’ancor più mitico Blade Runner, verrebbe da dire: “Ho letto cose che voi umani non potreste nemmeno immaginare….discriminazioni razziali ed etniche, xenofobia ed egoismo allo stato puro,  fatti passare per salvaguardia della salute pubblica !!”

Ci si riferisce, senza mezzi termini, all’Ordinanza n. 118 del 7 settembre 2017 emessa dal Comune di Senago. Anche il numero toccato in sorte a questa ordinanza non è probabilmente casuale, visto che si richiama ad uno stato urgente ed emergenziale, che poi così emergenziale non è. Almeno per quel che concerne il territorio di Senago e la Lombardia nel suo insieme.

Leggendola si rimane basiti e c’è davvero da strabuzzare gli occhi. Crediamo che ogni cittadina e cittadino senaghese dovrebbe andarsela a guardare e la si può trovare qui.

C’è un non so che di discriminatorio, razzista, incostituzionale ed anche lunare in questo “editto”. Volendo fare l’esegesi del testo, tutto sembra davvero confuso e sbagliato, e l’estensore del documento, già dalle premesse formali, inizia a dibattersi in una serie di errori ed orrori di logica e di sostanza.

Nei preamboli e nelle premesse si continua a ripetere quanto sia legittimo l’intervento in oggetto da parte del Comune, giustificandolo con il ruolo che il Sindaco svolge nella tutela della salute dei cittadini.

E chissà come mai sarebbe il potenziale arrivo di 40-50 richiedenti asilo ad essere portatore di batteri e  pericolose e falcidianti malattie ??  Insomma sarebbero in arrrivo degli untori come nemmeno nel periodo della peste di manzoniana memoria !!

Si definisce una situazione ed un quadro emergenziale, come se la Lombradia fosse una nuova Lampedusa, una zona di confine da cui entrano in modo incontrollato ed indiscrimnato innumerevoli migranti. Se le reminescenze di geografia ci assistono in realtà sappiamo bene come la Lombardia confini ahinoi con la Svizzera, abitata da pericolosissimi extracomunitari. Pericolosi soprattutto per il segreto bancario e l’evasione fiscale !!

Riassumendo per sommi capi il contenuto dell’ordinanza, vi si afferma che le/i senaghesi, che volessero affittare le proprie case sfitte ad altre/i cittadine/i o ad una famiglia che si trova in attesa di valutazione di una richiesta di asilo politico, correrebbero il rischio di sanzioni, da 50 a 500 euro, qualora non lo comunicassero con adeguato anticipo all’amministrazione comunale.

Non si capisce perchè questa differenza di trattamento dovrebbe sorgere affittando casa ad Ahmed e Fatma invece che a Olindo e Rosa (sono due nomi a caso di persone di provata “lombarditudine”). Per quali ragioni dovrebbe sussistere una diversa tempistica ed una differenza di trattamento a seconda della cittadinanza degli inquilini ?? Se non c’è discriminazione qui, spiegatemelo voi !!

Il tutto nasce dalla possibilità di poter dare ospitalità a cittadini proveniente da paesi nei quali la carestia, la guerra ed altro ancora portano a fughe di migliaia di chilometri per poter garantre ai propri figli non un futuro migliore, ma semplicemente un futuro !!

I cittadini che arriverebbro a Senago avrebbero comunque già passato una sorta di “filtro” attraverso le prefetture e quindi, non essendo noi la nuova Lampedusa della Brianza o della Martesana, non siamo certamente soggetti ad alcuna invasione come qualcuno ha più volte sottolineato anche durante la campagna elettorale.

Inoltre si pretende che l’affittuario faccia una relazione scritta, ogni 15 giorni, al Comune stesso, aggiornando l’amministrazione sullo stato di salute delle persone che abitano l’appartamento dato in affitto. Ma questo non viene chiesto e non potrebbe essere preteso da nessuno che affittasse il proprio appartamento ad altri cittadini italiani !!

“Oggi Ahmed ha il raffreddore, ma la relazione l’ho consegnata ieri e lui stava bene. Lo riferiremo nel nostro prossimo quindicinale diario alla sindaca ed alla giunta senaghese. Fatma invece ha un po’ di congiuntivite, ma non è preoccupante. Grazie a quella può ricevere asilo all’Ospedale San Raffaele per una settimana e con un reparto intero a sua disposizione”. Ah no scusate quello era Silvio !!

Ora che si pretenda ciò in un paese che non è stato in grado di controllare la situazione vaccinale delle bambine e dei bambini, ragazze e ragazzi che frequentano le scuole del territorio italiano, supera di gran lunga la soglia del ridicolo. Nel nostro paese, dopo anni, o forse meglio decenni, il morbillo è tornato a mietere vittime, per l’incuria di chi ha ritenuto che il percorso vaccinale dovesse essere totalmente volontario.

Aiutiamoci a casa nostra !! Soprattutto ad essere meno ridicoli !!

Prepariamoci a salire ai disonori della cronaca per tutta una serie di editti che questa amministrazione emetterà nei prossimi tempi. Ancora le barricate, come a Gorino, non sono state fatte, ma il clima è sicuramente favorevole. Comunque non rilassiamoci, una risata li seppellirà, ma nel frattempo bisogna resistere !!

Ci perdonino i simpatizzanti delle associazioni animaliste perchè in questo caso non vogliamo offendere la loro sensibilità, ma permetteteci di rimanere un po’ stupiti di fronte al fatto che il Comune predisponga un banner che pubblicizzi l’adozione di cani e gatti abbandonati, mentre orgogliosamente si mostrano i muscoli dimostrando arcignamente ogni repulsione per l’accoglienza di donne, bambini e uomini in fuga da guerre, miseria, carestie e morte.

Annunci

0 Responses to “Ordinanza n. 118 del 07.09.2017”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Rifondazione c’è!

Proposta di legge di iniziativa popolare: FIRMA anche TU!

SinistraSenago: per la Senago che vogliamo!

Massimo Gatti: consigliere della provincia di milano

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 8.170 follower

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

PETIZIONE: “NO VASCHE”

Firma anche tu la petizione "NO VASCHE" promossa dal COMITATO SENAGO SOSTENIBILE. Clicca sull'immagine
Elezioni 2012

Calendario delle pubblicazioni

settembre: 2017
L M M G V S D
« Giu    
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930