Archivio per ottobre 2015

L’educazione alla ferocia

sgombero-ex-telecom-510

Mentre osservavo sulla rete i filmati sul terribile sgombero del palazzo ex Telecom di Bologna, ho pensato alla campagna mediatica di mesi fa contro gli occupanti di case. Su tutti i principali mass media dilagavano interviste a miti vecchiette che manifestavano il terrore di vedersi buttar fuori dal proprio appartamento. Non a causa dello sfratto esecutivo da parte della proprietà, ma per colpa dell’occupazione da parte di centri sociali e migranti, separati o assieme. Si dipanavano le inchieste, si fa per dire, giornalistiche per spiegare che nella grandi città c’era il racket delle occupazioni di case, che la malavita gestiva le lotte sociali.

Così come era esplosa, quella campagna si inabissò improvvisamente nei bassifondi da cui era emersa sulla spinta della grande rendita edilizia. Essa serviva semplicemente a preparare il terreno a quello che effettivamente poi è avvenuto e sta avvenendo. Migliaia di persone che non davano fastidio a nessuno se non alla speculazione edilizia hanno perso la casa, e non perché altri gliel’avevano occupata, ma perché un tribunale e la polizia li avevano sbattuti in mezzo ad una strada. Gli sfratti dei poveri e dei disoccupati sono diventati la prima misura pratica dell’austerità, è così in tutta Europa. In Spagna sono anche più avanti, centinaia di migliaia di persone han perso la casa perché han perso il lavoro e non possono più pagare affitti o mutui. Ora tocca a noi.

Torna il diritto di proprietà nella sua forma più infame e brutale, quello raccontato da Dickens nell’Inghilterra dell’800, quel diritto che cancella tutti gli altri e che pone le persone al di sotto delle merci. Il diritto di proprietà oggi reclama per sé potere assoluto come i sovrani prima della rivoluzione francese.

Il palazzo ex Telecom era stato risanato dalle famiglie occupanti, che ci vivevano nel decoro con i loro bambini, che frequentavano regolarmente la scuola. Ma un fondo privato proprietario dell’immobile ne reclamava da tempo la piena disponibilità per i suoi spregevoli affari. Un tribunale ligio al potere dei ricchi ha incaricato così la polizia di procedere. Così abbiamo visto scatenarsi, contro famiglie e bambini, una ferocia che una volta avremmo detto da terzo mondo, ma che ora è parte della nostra società. Perché non si può sbattere in strada i poveri senza essere feroci. Se ci si commuove, se si sente il richiamo della umana solidarietà o anche solo della pietà, certe cose non si possono fare e magari le persone rimangono lì dove non dovrebbero stare.

Così ho capito che la campagna mediatica contro gli occupanti di case non aveva solo lo scopo di creare consenso verso gli interessi fondiari. Essa faceva parte di un messaggio più profondo e diffuso, l’educazione alla ferocia.

Da trenta anni le nostre società occidentali stanno distruggendo diritti sociali nel nome della produttività e della competitività. Ogni giorno la società viene presentata come una giungla ove vincono i più forti e i più deboli perdono per colpa loro. L’idea stessa dell’eguaglianza sociale viene messa all’indice delle utopie dannose. E con la crisi economica questa ideologia si è radicalizzata. Compito dei più forti non è tanto vincere, ma semplicemente sopravvivere. Non c’è lavoro per tutti, scuola per tutti, stato sociale per tutti, casa per tutti. Non c’è posto per tutti non lo urlano solo razzisti e fascisti, lo proclamano con le loro politiche economiche tutti i governi dell’austerità.

Così l’ideologia della competitività diventa giustificazione dello scarto. Lo scarto degli esseri umani comincia nelle guerre promosse e alimentate in paesi lontani e poi continua con i fili spinati e i campi di concentramento per i rifugiati di quelle guerre. E poi prosegue nelle città, togliendo il diritto ad abitare a lavorare a vivere.

Non è semplice scartare le persone se queste sono come noi, soprattutto se le sentiamo come noi. Bisogna sentire altro da noi chi vogliamo abbandonare al suo destino. Per questo bisogna educare alla ferocia alimentandola con il razzismo verso i poveri. Poveri, migranti, disoccupati, criminali devono essere accostati e collegati nell’immaginario collettivo, in modo che sia possibile non giudicare atto indegno dell’umanità lo strappare con la forza un bambino dal luogo dove vive e riceve gli affetti. I bambini ci guardano ma guai a noi se li guardiamo a nostra volta. Potremmo non essere più feroci come ci viene richiesto. Così nessun telegiornale ha trasmesso le immagini che ho visto in rete dei bambini trascinati via in lacrime da casa loro.

A Bologna non c’è stato semplicemente uno sgombero, c’è stato un pogrom di stato che ha ancora alzato l’asticella della ferocia sociale. Proprio in quella città dove in un passato sempre più lontano il movimento operaio aveva costruito eguaglianza e libertà, proprio lì si è voluto dare dimostrazione del mondo nuovo dello scarto.

E lo si è fatto nel nome del rispetto della legalità, paravento dietro il quale si sono spesso nascoste e tutelate le maggiori infamie. Ribellarsi contro questa legalità che impone l’ingiustizia e educa alla ferocia non solo è necessario, ma è il solo modo di restare umani.

di Giorgio Cremaschi

Annunci

Lo scandalo dei subordinati e degli oppressi

Dinanzi all’enormità di quanto sta acca­dendo occorre essere esi­genti sul ter­reno ana­li­tico. Com’è pos­si­bile che tutto que­sto avvenga? Chi ne è responsabile?

renzi-arrivo-io

Certo, Renzi è oggi l’incontrastato pro­ta­go­ni­sta della scena poli­tica ita­liana. Chi si è a lungo baloc­cato col man­tra del poli­tico «senza visione» ricon­si­deri le deci­sioni assunte in que­sti venti mesi di governo.La buona scuola e il Jobs Act; le pri­va­tiz­za­zioni e i tagli alla spesa sociale; il for­sen­nato attacco al sin­da­cato; il com­bi­nato tra Ita­li­cum e deva­sta­zione iper-presidenzialista della Costi­tu­zione; l’occupazione mili­tare dei ver­tici Rai; lo scem­pio siste­ma­tico dei rego­la­menti par­la­men­tari; lo sdo­ga­na­mento di poli­tici pluri-inquisiti.

Tutto que­sto non sarà «visione», sarà sem­plice istinto, ma di certo non è dif­fi­cile leg­gervi una tra­iet­to­ria lineare di stampo auto­ri­ta­rio e thatcheriano.

Ma Renzi non è solo. Da solo o col solo cer­chio magico dei Lotti e dei Del­rio non potrebbe imporre al Paese il pro­prio dise­gno. Un discorso serio chiede a que­sto punto un’analisi attenta delle filiere di con­ni­venza e di com­pli­cità che gli per­met­tono di dila­gare con­so­li­dando il pro­prio potere e tra­sfor­mando pezzo dopo pezzo il sistema poli­tico e gli assetti sociali del Paese. Il tutto senza colpo ferire: senza con­flitti, senza resi­stenza né sostan­ziale oppo­si­zione su qual­si­vo­glia terreno.

Per un verso que­sto discorso guarda in alto, ai man­danti interni e inter­na­zio­nali. Renzi piace ai poteri forti dell’imprenditoria pri­vata, ai ric­chi e ai grandi inve­sti­tori, agli alti gradi della diri­genza pub­blica. È gra­dito alle cor­po­ra­zioni pro­fes­sio­nali, ai corpi chiusi dello Stato, al pos­sente eser­cito degli eva­sori fiscali. E va a genio, non da ultimo, alle cen­trali del potere euro­peo e atlan­tico, di cui non mette mai in discus­sione, se non a parole, inte­ressi e scelte.

Ma nem­meno tutto que­sto basta. Il ren­zi­smo non è una dit­ta­tura, ricatti e inti­mi­da­zioni non tol­gono che le isti­tu­zioni fun­zio­nino ancora in base alla rela­tiva auto­no­mia di ogni sin­gola arti­co­la­zione dello Stato e della società civile. E la stessa gran­cassa media­tica senza la quale il regime implo­de­rebbe non obbe­di­sce ai det­tami di un’occhiuta cen­sura gover­na­tiva. Insomma, i poteri alti sug­ge­ri­scono e pro­teg­gono, ma nean­che il loro appog­gio da solo baste­rebbe a garan­tire al capo del governo le con­di­zioni neces­sa­rie all’efficacia e alla con­ti­nuità di un’azione a suo modo «rivo­lu­zio­na­ria», nel senso della sov­ver­sione dell’ordinamento demo­cra­tico e costituzionale.

Dove guar­dare allora? Il sug­ge­ri­mento è quello di ripren­dere in mano l’ultimo libro di Primo Levi, scritto pochi mesi prima di por fine alla vita, un po’ il suo testa­mento spi­ri­tuale. Ne «I som­mersi e i sal­vati» i Lager sono con­si­de­rati un labo­ra­to­rio per l’analisi delle dina­mi­che di potere, un micro­co­smo in qual­che modo cor­ri­spon­dente all’intera società tede­sca. Ciò che col­piva Levi era il fatto che per­sino lì, nell’istituzione para­dig­ma­tica della vio­lenza bru­tale e della nega­zione dell’umano, il potere fun­zio­nasse anche gra­zie al sup­porto di una parte delle sue stesse vit­time. Che per­sino lì dove la fero­cia del potere mili­tare trion­fava, l’ordine era garan­tito anche dall’obbedienza, la quale impli­cava a sua volta una qual­che forma di con­senso, di con­ni­venza, di complicità.

In quel micro­co­smo «intri­cato e stra­ti­fi­cato» si ripe­teva «la sto­ria incre­sciosa e inquie­tante dei gerar­chetti che ser­vono un regime alle cui colpe sono volu­ta­mente cie­chi; dei subor­di­nati che fir­mano tutto, per­ché una firma costa poco; di chi scuote il campo ma accon­sente; di chi dice “se non lo facessi io, lo farebbe un altro peg­giore di me”». In poche pagine Levi sti­lizza un’analisi delle moti­va­zioni (cor­ru­zione, viltà, dop­piezza, cal­colo oppor­tu­ni­stico) che indu­ce­vano la «classe ibrida» degli oppressi a col­la­bo­rare con l’oppressore. In que­sto senso (e sol­tanto in que­sto) la «zona gri­gia» dei kapos e delle Squa­dre spe­ciali del Lager cor­ri­spon­deva a quella assai più vasta dei cit­ta­dini tede­schi (ed euro­pei) che – senza l’attenuante dell’immediata minac­cia della vita – sosten­nero il regime nazi­sta, appro­fit­ta­rono dei pri­vi­legi che ne trae­vano e varia­mente coo­pe­ra­rono con i suoi crimini.

Lo schema è gene­rale e le dif­fe­renze, molto pro­fonde, non ingan­nino. A giu­di­zio di Levi il modello del Lager serve a indi­vi­duare ingre­dienti costanti delle dina­mi­che di potere. Serve a capire come il potere operi anche in una società coman­data da uno Stato tota­li­ta­rio. E serve a mag­gior ragione a com­pren­dere come esso fun­zioni in un Paese demo­cra­tico, dove la rela­zione poli­tica è carat­te­riz­zata da un tasso di vio­lenza incom­pa­ra­bil­mente minore. Se otte­nere con­senso era neces­sa­rio per­sino nel Lager, è evi­dente che senza con­senso non si potrebbe gover­nare una società come la nostra, dove il potere è costretto a fare un uso molto più parco della vio­lenza e dove quindi è assai più com­pli­cato pre­ser­vare le gerar­chie costi­tuite e i rap­porti di forza.

Allora, per tor­nare a Renzi, dovremmo smet­terla di farne la nuova incar­na­zione del demo­nio assol­vendo in blocco chi gli per­mette di distrug­gere in alle­gria. Se a Renzi rie­sce di deva­stare il Paese, è per­ché in tanti ne sosten­gono varia­mente l’azione. I suoi com­pa­gni di par­tito di tutte le stirpi e a ogni livello in primo luogo, non­ché quanti si osti­nano nono­stante tutto a votarlo. Gli alleati del suo Pd in seconda bat­tuta, nelle ammi­ni­stra­zioni e nelle varie sedi del sot­to­go­verno. E poi i diversi seg­menti della società civile – pezzi del sin­da­cato e del mondo coo­pe­ra­tivo; dell’associazionismo, dell’informazione e dell’intellettualità – che bril­lano per con­corde silen­zio come se, via Ber­lu­sconi, qual­siasi pro­blema di demo­cra­zia e di giu­sti­zia sociale fosse per incanto risolto. È vero, ogni chia­mata di cor­reo è sgra­de­vole, tanto più se indi­scri­mi­nata. Ma la fur­be­sca col­la­bo­ra­zione col potere da parte dei subor­di­nati e per­sino degli oppressi è addi­rit­tura scan­da­losa. E, giunte le cose al punto in cui sono, fare finta di nulla non ha pro­prio alcun senso.

Alberto Burgio da “Il Manifesto”

Si potrebbe andare tutti quanti a bombardare la Siria

Anche l’Italia si iscrive alla corsa ai bombardamenti. Intanto, tutti contro l’unico che l’Isis lo bombarda davvero: Vladimir Putin.

siria1_1550792

L’Italia comincerà a bombardare l’Isis? La notizia è stata data dal Corriere della Sera e il Governo ha risposto con una mezza smentita che sa di conferma. In ogni caso, è da notare il fatto che anche il nostro Paese si è in qualche modo iscritto a quella “corsa all’intervento” che ha di recente visto scattare Gran Bretagna e Francia, di colpo desiderose di sparare a qualcuno in Siria e in Iraq.
L’Italia ha già fornito armi ai peshmerga del Kurdistan e addestratori assai apprezzati in loco. Se domani anche i nostri quattro Tornado cominciassero a bombardare i miliziani islamici in Iraq (in Siria no, perché il Governo legittimo siriano, che resta quello di Assad, non ci ha chiesto di farlo) il tenore della missione farebbe di certo un balzo in avanti anche se sul terreno, forse, non cambierebbe molto.

Se questo avverrà, giusto o sbagliato che sia, lo dovremo a Vladimir Putin. Non sfugge a nessuno, infatti, che da quando il Cremlino si è mosso, e ha spedito sul fronte siriano il suo piccolo corpo di spedizione, le placide operazioni della coalizione americo-saudita radunata con orgoglio da Barack Obama hanno subito uno scossone. Il problema è che Putin i miliziani islamici li bombarda davvero, non per finta come fa Obama. La Grande Coalizione Democratica, infatti, “bombarda” l’Isis da più di un anno, ma in questo periodo l’Isis non ha fatto che allargarsi a sempre nuove zone della Siria, senza perdere la presa su quelle dell’Iraq occupate l’anno scorso.

E’ un misero risultato, per un corpo d’armata cui partecipano (così dice Obama) 60 Paesi. Ma è in realtà ciò che americani e sauditi si proponevano fin dal principio: contenere l’Isis (senza eliminarlo, per carità!) in Iraq e lasciarli mano sostanzialmente libera in Siria. Nella speranza che l’Isis facesse ciò che Washington e Riad desiderano da sempre: eliminare Assad. Non si spiegano altrimenti, infatti, non solo i magri risultati ma anche eventi fenomenali come la presa di Palmira da parte dell’Isis: per arrivare all’antica città, gli islamisti hanno dovuto percorrere in colonna, nel deserto, centinaia di chilometri esposti a ogni satellite e bombardiere. Davvero singolare che nessuno dei combattenti della Grande Coalizione Democratica li abbia notati e sia intervenuto per fermarli.

L’intervento dei russi ha mandato all’aria la commedia. Perchè i russi colpiscono davvero, colpiscono duro e non badano tanto alle etichette. Obama insiste sul fatto che i Su34 di Mosca bombardano soprattutto i “ribelli moderati” anti-Assad, dimenticando di dire che sul terreno questi “moderati” contano come il due di picche quando la briscola è quadri. Chi sono questi “moderati”? Che fanno? Chi li comanda? Nessuno lo sa.

Per somma sfortuna di Obama, poi, si è dato da fare su televisioni e giornali il senatore McCain, suo rivale nella prima corsa alla Casa Bianca ed esponente di punta dei repubblicani, che ha detto: “I russi hanno colpito oppositori del regime di Damasco addestrati dalla Cia”. Ora, per gli americani sarà normale che la Cia addestri gente per buttar giù questo o quel Governo, ma credere che a Putin di questo importi qualcosa è un po’ troppo.

Intanto, a prender sul serio i russi è l’Isis, il che qualcosa vuol dire. E altrettanto fanno i cristiani dell’Iraq che, per bocca dei loro vescovi, invocano da lungo tempo proprio ciò che la Coalizione non fa, cioè un intervento vero, concreto, e non fasullo, contro il dilagare dell’islamismo nel loro Paese.

La cosa più bizzarra, però, è questa. Tutti pensano di avere diritto di intervenire da quelle parti: la Turchia ha appoggiato Isis e compagni in ogni modo, ha più volte sconfinato, bombarda i curdi, progetta di ritagliarsi una striscia di territorio siriano profonda una trentina di chilometri; di Usa e Arabia Saudita si sa; di Francia e Gran Bretagna abbiamo detto; persino la mite Giordania ha buttato là che si prenderebbe volentieri anche lei la sua striscia di territorio siriano. Tutti questi, però, dicono che la Russia, unico Paese espressamente invitato a intervenire dal Governo in carica, deve tenersi alla larga.

Nel frattempo, la propaganda ha cominciato a fare il suo lavoro, ossequiosamente seguita da gran parte della stampa. Appena partiti i raid russi, subito sono apparse sui giornali le notizie sulle vittime civili: a decine, in crescita ogni giorno. E’ molto probabile, anzi è certo che questo accada. Ma in più di un anno di raid americo-sauditi avete mai sentito dire qualcosa di simile? La Grande Coalizione Democratica ha compiuto, in questi 14 mesi, più di 7 mila bombardamenti e sui giornali italiani non è uscita una notizia, che sia una, su eventuali vittime civili. Forse tutto l’esercizio fatto per NON colpire l’Isis ha aguzzato loro la mira.

di Fulvio Scaglione da “Famiglia Cristiana.it”


Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

ottobre: 2015
L M M G V S D
« Set   Nov »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031  
Annunci