A quando una vera legge sui delitti ambientali?

factory-pollution-e1300558286252

«Dopo più di 15 anni di tentativi per introdurre nel codice penale i delitti contro l’ambiente, presente nei paesi della UE e come previsto da una direttiva comunitaria, in Italia il disastro ambientale è tale se “abusivo”, ovvero, può essere punito solo se commesso “abusivamente”. Altrimenti, il fatto non sussiste e l’imputato viene assolto e i danni ambientali e per la salute rimangono sempre e solo a carico dei cittadini!

Come se non sapessimo quale sia la carenza quando non l’ostrusità delle norme amministrative esistenti. Insomma, si continua a subordinare l’ambiente e la salute a norme spesso inapplicabili e di difficile comprensione.

Fare addirittura dipendere la punibilità di un fatto gravissimo dall’osservanza o meno delle pessime, carenti, e, molto spesso, complicate e di difficile comprensione ed attuazione, norme regolamentari ed amministrative oggi esistenti significa veramente subordinare la tutela di beni, costituzionalmente garantiti, a precetti amministrativi spesso solo formali o a norme tecniche che, spesso, sembrano formulate apposta per essere inapplicabili.

Riteniamo grave e lesivo di un obbiettivo a lungo perseguito e, ci spiace dover prendere atto, non ancora conseguito con l’approvazione del ddl laddove si inserisce il termine “abusivamente” e si aggiunga per i danni al sottosuolo “… di porzioni estese o significative del suolo o del sottosuolo” di grazia, quale è la misura che definisce “estese”?

Il pensiero corre veloce allo “sbloccaItalia” che sembra fatto più per favorire gli inquinatori e gli speculatori ambientali togliendo ogni regola ed ogni vincolo per la tutela dell’ambiente e del territorio, come si potrebbe altrimenti continuare ad autorizzare  attività industriali che in nessun altro paese civile sarebbero autorizzate? L’ILVA ne è solo il più fulgido degli esempi!

Un disastro diventa lecito se c’è  un’autorizzazione alla produzione!

Ancora una volta: mano libera all’industria inquinante e gli unici vincoli sono verso giudici e sentenze.    Ancora una volta in barba alla Costituzione e alle direttive europee a lungo disattese si costruiscono artifici e scappatoie per chi da anni continua ad inquinare il territorio e a mettere a rischio la salute dei cittadini. Questa volta ci fanno persino credere che fanno la cosa giusta, ma così non è, e Rifondazione Comunista non si unisce al coro dei plaudenti, perché questa legge è sbagliata!

Rosa Rinaldi

Annunci

0 Responses to “A quando una vera legge sui delitti ambientali?”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Rifondazione c’è!

Proposta di legge di iniziativa popolare: FIRMA anche TU!

SinistraSenago: per la Senago che vogliamo!

Massimo Gatti: consigliere della provincia di milano

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 8.172 follower

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

PETIZIONE: “NO VASCHE”

Firma anche tu la petizione "NO VASCHE" promossa dal COMITATO SENAGO SOSTENIBILE. Clicca sull'immagine
Elezioni 2012

Calendario delle pubblicazioni

maggio: 2015
L M M G V S D
« Apr   Giu »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728293031