“Perdonaci Silvio non abbiamo capito che stiamo diventando schiavi”

5a8eb1b63baab2114de37bfc10f700c97421d506977015888258689f_175x175_175x175_175x175

Alcuni giorni fa si è suicidato ad Alessandria un certo Ghisolfi, imprenditore, passato nei grandi titoli dei giornali come il banchiere di Renzi. In realtà ha partecipato a una delle tante cene per finanziare i “giocattoli del pupo”. E questo dà al suo atto estremo un valore particolare, chissà perché poi, a parte certa dietrologia d’accatto che ormai non sa più su come infiocchettare banalità.
Continuano intanto i “suicidi anonimi”, quelle morti che non fanno notizia. Perché la crisi non ha smesso di mordere, checché ne dica il pupo e il suo scribacchino dei numeri, alias il signor ministro Padoan, che ha infilato una serie interminabile di previsioni economiche errate e senza senso. E sembra non voler smettere.
I suicidi anonimi sono di quelli che invece con la crisi ci fanno i conti, veri. Un dare e un avere preciso e netto. Che per alcuni ha sul piatto della bilancia la propria vita. Chiaro signor Padoan?
Due giorni fa si è suicidato nei pressi di Rieti un certo signor Silvio. Ne hanno scritto in qualche breve di qualche sconosciutissimo giornale “locale” giusto per conforto e indignazione della comunità. Non ha senso dire come e perché. Ha senso parlare di Silvio, perché la sua storia ci racconta di una crisi economica che, come diceva mammà, “sta portando via i migliori”. C’è chi si sta arricchendo con la crisi (questo Padoan non lo dice mai nonostante i numeri abbondino) e chi la sta pagando duramente. C’è chi la crisi la vede da una comoda poltrona in pelle. E chi ci sbatte la faccia contro, nella più perfetta solitudine che solo un raffinato sistema “democratico” sa regalarti. Dobbiamo trovare la forza di dire basta.

Silvio aveva un dono che tutti gli riconoscevano, la luce della semplicità. Una semplicità inadeguata ai tempi, potrebbe dire qualcuno, eppure radiosa. Nell’ipotetica Antologia di Spoon River della crisi 2007-2015, la sua storia occuperebbe le prime pagine. Quella luce della semplicità lo rendeva unico. Ne aveva fatto, del resto, una scelta di vita. Viveva in modo frugale, faceva un mestiere antico, forse più antico di tanti altri, produceva farine con il suo molino.
La semplicità non è bastata a fermare i draghi che un giorno si sono presentati davanti a lui al posto del vento. Ma su un punto, Silvio, ha lottato come un leone: ha preteso che gli restiuissero la pietra. La pietrra sulla quiale aveva edificato l’opera. Un atto d’amore e di rispetto verso se stesso che i draghi hanno oltraggiato in modi irriferibili.
Sapeva macinare il grano Silvio, ma non aveva ancora imparato a triturare le follie degli uomini. O forse non gli interessava. Al mercato contadino che frequentava insieme al suo amico Pietro, appunto, medico che sapeva triturare i malanni dell’anima attraverso la cura dei corpi, lo ricordano tutti come una persona degna di stare tra gli angeli. Perché gli angeli sono proprio la forza della semplicità. E cos’altro?

Quella pietra a Silvio serviva per ancorare al mondo la sua semplicità, perché non diventasse evanescenza e acquistasse forza. Il mondo gli ha impedito di farlo, con violenza. Siamo tutti in qualche modo in debito con lui. Di non aver cantato la sua semplicità, di non aver cambiato il mondo. Di solito cantiamo gli sguardi miti, ma solo perché avvertiamo che non possono nuocerci. Silvio va cantato perché tutto ciò che in lui era leggero e mite, dalle farine al suo sguardo, in realtà aveva il peso della saggezza. E sapeva illuminare la strada del nostro cammino impervio. Quello che non sanno fare quelli che pretendono di governarci, di imbonirci, di costringerci con la violenza a seguire dettami di un interesse generale che sono i primi a rinnegare. Stiamo scivolando nella schiavitù senza accorgerci del passo estremo. E questo a Silvio, almeno, dobbiamo riconoscerlo.

Fabio Sebastiani da “Controlacrisi”

Annunci

0 Responses to ““Perdonaci Silvio non abbiamo capito che stiamo diventando schiavi””



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

marzo: 2015
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031  
Annunci