Elezioni Europee 25 maggio 2014

E’ necessario dare un segnale netto di rifiuto dell’austerità e fermare le manovre economiche, speculative delle banche e le politiche capestro e vincolanti dei trattati neoliberisti di Maastricht che governano questa Unione Europea

Dobbiamo rimettere in discussione i suoi equiibri politici ed economici finora dominati inequivocabilmente dalla guida tedesca.

Bisogna rompere la gabbia del neoliberismo.

Per costruire L’Altra Europa, quella dei popoli, del lavoro, della giustizia sociale e garantire uno svilupppo democratico.

Per tutto questo:

Firma anche tu !!

La lista della sinistra alternativa, l’Altra Europa con Alexis Tsipras, candidato a Presidente della Commissione Europea

logoufficiale_laltraeuropa100

Main Home Full Width

2 Responses to “Elezioni Europee 25 maggio 2014”


  1. 1 Sergio marzo 30, 2014 alle 8:12 pm

    L’Altra Europa, e forse anche Tsipras, dovrebbe(ro) anche dire cosa faranno i suoi eletti per la politica estera europea, in particolare sul caso Ucraina (e su possibili casi simili in futuro). In Kossovo facemmo una guerra per difendere un popolo che si era separato, con un referendum, dalla Serbia e che ora solo l’UE riconosce come Stato indipendente; ora che il popolo che si rende indipendente è quello della Crimea non vale più? Quale è l’operazione sbagliata? Soprattutto: cosa dice a riguardo la lista Altra Europa? Dimenticavo: quale motivo/scusa dichiarano i grandi saggi che gestiscono l’Altra Europa riguardo alla rottura col PdCI?

    • 2 andreap71 marzo 30, 2014 alle 9:51 pm

      Inutile dire che chi scrive condivide in pieno le tue critiche alle eventuali ambiguità che potranno emergere all’interno di alcuni eventuali eletti della Lista Tsipras. Per quanto mi riguarda se l’autodeterminazione dei popoli deve essere il faro che guida alcune scelte di politica internazionale ciò che valse per il Kosovo, la cui autonomia ricordi bene è riconosciuta forse da un terzo dei paesi dell’ONU, deve valere anche per la Crimea. E penso di poter affermare ciò senza rischio di essere tacciato per un filo-Putiniano. Ogni tentativo in questi anni di dare vita ad un panorama coeso della sinistra diffusa e plurale è risultato purtroppo vano per il predominio tra noi della sottolineatura di tutto ciò che ci separa rispetto alla ovvietà del rimarcare ciò che ci unisce.
      Io credo sia molto più popolata questa categoria rispetto alla precedente. Risfondando una porta già aperta ho anche avuto modo di firmare in rete un appello di solidarietà al PdCI per una ingiustificata ed ingiustificabile esclusione dei suoi candidati dalle liste di candidati dell’Altra Europa con Tsipras. Non vorrei però che anche questo tentativo di unità, ovviamente del tutto perfettible, naufragasse lasciando l’Italia senza una degna rappresentanza a sinistra in una posizione un po’ solitaria rispetto ad un continente europeo dove la sinistra alternativa ed anticapitalista esprime e raccoglie il consenso che merita.


Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

marzo: 2014
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 12
3456789
10111213141516
17181920212223
24252627282930
31