Archivio per febbraio 2013



TEM, Massimo Gatti: “Assolombarda si accorge che non ci sono i soldi. Meglio tardi che mai. Ora sospendere immediatamente tutti i cantieri autostradali”

Milano 1 febbraio 2013. In merito all’allarme lanciato da Assolombarda nel “Rapporto Nord Ovest 2012” sulla situazione di stallo di molte opere infrastrutturali nell’area milanese e lombarda, il Capogruppo in Provincia di Milano per Lista un’Altra Provincia-PRC-PdCI, Massimo Gatti dichiara:
 
“Apprendiamo dai media che anche i padroni di Assolombarda si sono finalmente accordi che di soldi per la TEM non ce ne sono più, come noi sosteniamo da mesi. Meglio tardi che mai!
Ora l’unica soluzione seria e concreta è quella di sospendere immediatamente tutti cantieri autostradali e lo scempio dei nostri territori pensando piuttosto ad ultimare quelli aperti da decenni come quello della Paullese.
Anziché continuare a taglieggiare i pendolari con rincari continui a fronte di un peggioramento dei servizi, occorre dirottare tutte le risorse per investimenti sul potenziamento del trasporto pubblico locale su gomma e, soprattutto, su ferro a partire dal prolungamento della M2 a Vimercate, della M3 a Paullo e dall’interramento della Rho-Monza.
Contro le nuove autostrade inutili e dannose, il trasporto pubblico deve diventare la priorità; esattamente il contrario di quanto fatto finora dai governi nazionali che si succedono e dalle giunte di Regione Lombardia e Provincia di Milano. Le Istituzioni hanno il dovere di tutelare la salute e la vita delle cittadine e dei cittadini”.
Annunci

Brazzoli – Arioli: soldi pubblici da un lato e 25 licenziamenti dall’altro!

Senago, 11 gennaio 2012 – Nuova operazione per il Fondo Italiano di Investimento che, insieme a Varese Investimenti, ha promosso l’aggregazione tra Arioli e Brazzoli, due importanti eccellenze italiane operanti nell’ambito della filiera meccanotessile. (leggi qui tutto l’articolo sul sito ARIOLI)

foto_azienda

E’ ufficiale l’acquisizione della storica azienda senaghese Brazzoli da parte del gruppo ARIOLI che, pur essendo decismaente più piccola, con un’operazione finanziaria che utilizza soldi pubblici, ha recentemente concluso l’affare.

Ne parla anche il quotidiano economico ilsole24ore che apprezza ed elogia l’operato delle due aziende e vanta la loro capacità imprenditoriale costruita quasi interamente con i soldi pubblici (di altri quindi, non loro), dimenticando completamente che 25 lavoratori sono ora sul lastrico e prossimi alla mobilità.

Si, da un lato si prendono soldi pubblici per fondere due aziende con lo scopo di renderle più forti e dall’altro si licenziano 25 persone, mettendone le famiglie sul lastrico, dimenticando che esiste anche la responsabilità sociale d’impresa sancita dall’articolo 41 della nostra costituzione e promossa altresì dalla comunità europea.

Ed il pericolo non finisce qui, visto che tra i lavoratori s’insinuano voci sulla possibile delocalizzazione della fabbrica senaghese. Forse anche agli amministratori del nostro Comune potrebbe interessarsene qualcosa.

leggi l’articolo del sole24ore


Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

febbraio: 2013
L M M G V S D
« Gen   Mar »
 123
45678910
11121314151617
18192021222324
25262728  
Annunci