O la borsa o la vita

Sabato, a Milano, ci sarà la prova nazionale OccupyPiazzAffari, manifestazione contro la «schiavitù del debito» e le politiche del governo. Ne parla Giorgio Cremaschi .

 

 

 

 

 

 

 

Quali sono gli obiettivi di questa manifestazione? E come è nata?
La manifestazione è un’idea del Comitato No Debito, già dalla fine dell’anno scorso. Progressivamente ha assunto però un altro significato; hanno aderito molte altre forze, rendendola qualcosa di molto più vasto. È un coordinamento in cui ci sono ora la Cub, S. Precario, e praticamente tutti i movimenti sociali conflittuali. In questi ultimi giorni sta crescendo moltissimo complice ovviamente quel che sta combinando il governo sul mercato del lavoro. È la prima grossa iniziativa dopo l’irrigidimento del governo sull’art. 18.

Dai problemi generali dell’economia ai problemi d’attualità?
Sta diventando – come dovrebbero essere le manifestazioni – non un atto di «testimonianza» di una sigla particolare, ma un «mezzo»: quelli che vogliono far sentire a Monti che «non ci stanno», cominciano a rendersi conto che questo è un mezzo forte.

Quale livello dovrebbe raggiungere per incidere sui rapporti di forza e far cambiare idea al governo?
Non c’è un limite. Ce lo siamo detti tutti: è il punto di partenza di un’opposizione che continuerà. Ci stiamo già dando nuovi appuntamenti. L’importante è che ci sia una forza sufficiente per dire «questa è la base da cui partire». Sappiamo che una manifestazione, oggi, non fa cadere un governo. Ma può dare forza a tutti i movimenti, di qualsiasi genere. In testa al corteo ci saranno i No Tav, poi le fabbriche e le realtà in lotta. Vogliamo dare un segnale: si è rimessa in moto l’opposizione sociale e attrae i soggetti più diversi. Una delle ultime adesion, per esempio, è quella dei pastori sardi.

Non so se hai visto sul giornale il «progetto antisciopero europeo»…
Voglio congratularmi con il manifesto, l’unico giornale che ne abbia parlato. Nel linguaggio europeo, questo testo di Barroso viene chiamato «Monti 2». Perché nasce dalla sua cultura profonda che, come hanno giustamente individuato gli inglesi – a differenza di una certa sinistra di palazzo che fa finta di nulla – è l’equivalente italiano della Thatcher, quella che diceva «la società non esiste, esistono solo le persone». È l’ideologia per cui «nel mercato» tutti gli interessi hanno «pari dignità», ma quelli dell’impresa vengono sempre prima. In questo devo dire, c’è un contributo assolutamente negativo del capo dello stato, perché c’è una lesione di fondo dello spirito della nostra Costituzione. Quando si dice «dovete fare un sacrificio sull’art. 18» significa mettere il diritto a un lavoro dignitoso, che è l’anima fondante la Costituzione, alla pari con la protesta dei notai.

L’Ocse dice che anche Germania, Francia e Olanda devono «riformare» il loro mercato del lavoro…
Stiamo programmando, in coordinamento con i movimenti europei, una manifestazione a maggio sotto la sede della Bce, a Francoforte. Del resto l’ha detto Draghi: il «sistema europeo è morto». La lunga marcia della restaurazione in Europa di un capitalismo selvaggio di stampo anglosassone è cominciata con la Grecia, ma finirà in Germania e Svezia. Sono partiti con i paesi più deboli, ma tra uno o due anni – se passano da noi – diranno ai lavoratori francesi e tedeschi «ora tocca a voi». Come Draghi ha detto ieri ai greci: «dovete rinunciare al benessere». C’è una classe dirigente europea legata al sistema finanziario internazionale, convinta che la soluzione della crisi sia un’Europa low cost. È chiaro che siamo solo un granello di sabbia, ma vorremmo provare a fermare l’ingranaggio.

Vedi possibilità di sblocco in ciò che resta della sinistra italiana?
È l’ambizione che abbiamo. Da un lato, pur non avendo alcuna mira elettorale, la politica che proponiamo – rifiuto del ricatto del debito, modello di sviluppo fondato su servizi sociali e territorio – non può essere fatta dalla «sinistra del centrosinistra», accanto a Casini o Monti. Può essere solo alternativa. Bisogna quindi creare uno spazio politico alternativo, fondato su radici sociali reali e notevoli. Alternativa rispetto a questo modello di potere, al contrario delle illusioni del Pd o di Vendola.

Qualcosa si sta «scongelando»?
Mi ha fatto piacere che anche aree interne a Sel, pur con posizioni diverse, abbiano aderito a aquesta manifestazione. Oltre a tutte le altre forze – da Rifondazione a Sinistra critica, all’Idv – che pure in questi anni in questi anni si sono parlate poco. Una manifestazione da sola non basta, ma può aiutare.

E sul piano sindacale?
Mi dispiace molto che Monti, ogni volta che va all’estero, si vanti del fatto che qui c’è «pace sociale» nonostante quel che sta facendo ai lavoratori e al sindacato. Questa cosa va smentita. Va trovata una capacità unitaria di superare le vecchie barriere nel conflitto effettivo contro le sue politiche. C’è ancora un grave ritardo italiano, anche della Cgil. La Fiom ha assunto spesso questo ruolo, ma occorre un passo in più. E arrivare a una grande mobilitazione di tutto il mondo del lavoro; non di una sigla, ma un vero sciopero generale che blocchi il paese. E quindi deve comprendere anche i precari.

(Da controlacrisi.org 29/03/2012)

Annunci

0 Responses to “O la borsa o la vita”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...




Rifondazione c’è!

Proposta di legge di iniziativa popolare: FIRMA anche TU!

SinistraSenago: per la Senago che vogliamo!

Massimo Gatti: consigliere della provincia di milano

Inserisci il tuo indirizzo e-mail per iscriverti a questo blog e ricevere notifiche di nuovi messaggi per e-mail.

Segui assieme ad altri 8.172 follower

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

PETIZIONE: “NO VASCHE”

Firma anche tu la petizione "NO VASCHE" promossa dal COMITATO SENAGO SOSTENIBILE. Clicca sull'immagine
Elezioni 2012

Calendario delle pubblicazioni

marzo: 2012
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 1234
567891011
12131415161718
19202122232425
262728293031