Archivio per 7 gennaio 2012

Innocenti evasioni

Era d’ampezzo che ve lo dicevamo…in Italia c’è un po’ di evasione. Non tanta quel poco che basta a far fare ai governi tre finanziarie all’anno per sistemare i conti di un paese… a pezzi.

Il blitz di Cortina della vigilia di San Silvestro ha prodotto risultati interessanti, ma diciamolo tranquillamente per nulla sorprendenti. Emerge al solito un paese che paga tutto e fino all’ultimo centesimo, quello dei lavoratori dipendenti e dei pensionati e che subisce anche le manovre economiche del Governo Monti. Di fianco a questo paese in parallelo c’è invece la solita Italia degli imboscati del fisco che riesce in ogni modo a farla franca. Bolidi intestati a società di comodo, imprenditori quasi nullatenenti e milionari di ogni tipo squattrinati che si appoggiano a qualche finto sussidio per tirare a campare. Questa è la miseria di un paese la cui classe dirigente non ha mai fatto nulla perchè le cose cambiassero. Anzi forse proporio quei politici che avrebbero dovuto essere vigili sono stati i suggeritori di come fuggire alle adempienze fiscali. Vi sono ormai categorie che mostrano caratteristiche inverosimili: gioiellieri più poveri dei loro commessi, albergatori senza il becco di un quattrino che elemosineranno un po’ di pane dai propri dipendenti stagionali.

Ma cosa è successo del resto ? Semplicemente si è scoperta l’ennesima acqua calda e si è trovata finalmente la polvere sotto il tappeto. Peccato che in questi tempi si è sempre guardato sotto il tappeto sbagliato. Possiamo in tutta franchezza dirci stupiti dei risultati dei controlli effettuati a Cortina d’Ampezzo ? Tutti noi che ci ritroveremo una ICI da pagare, pardon una IMU, insieme alle maggiorazioni delle addizionali IRPEF comunali e regionali, insieme ai rincari di ogni giorno e di un IVA destinata ad ulteriore levitazione non siamo stupiti, soltanto un pochino inca..ati.

Ci stupiamo, questo sì, del fatto che controlli come questo vengano effettuati una tantum invece che essere una sorta di prassi consolidata. Ed è il fatto che questi controlli avvengano così sporadicamente che fa emergere i risultati di una qualsiasi Cortina, ma che si riprodurrebbero pari pari a Porto Cervo, Portofino, Capri ed altre amene località ed in tutte le città non solo di villeggiatura della nostra bella penisola. Non fa nemmeno scandalo l’indignazione di Cicchitto e della Santanchè e di altri politici di casa nostra che vedono in controlli di questo tipo uno stato di polizia insopportabile. Il loro sbracciarsi perchè i ladri possano continuare impuniti a rubare fa solo schifo !

Peccato che non venga mai sollevato il problema dello stato di polizia quando le forze dell’ordine fanno uso generoso e frequente di manganelli e gas lacromogeni nelle manifestazioni di lavoratori e studenti nelle piazze italiane.

Comunque che si viva in due paesi, o meglio in due universi paralleli, è ormai fin troppo noto e consolidato quando una Commissione di indagine sugli stipendi dei nostri parlamentari mette in rilievo che sono i più pagati d’Europa e parte subito una sguaiata, stonata e sconfortante litania sul fatto che siamo alle solite menzogne giornalistiche. Che in realtà abbiamo i parlamentari più poveri dell’intera Unione Europea e che i conti non tornano e sono stati fatti usando parametri sbagliati. Peccato che qualche anno fa un indagine di Report mise a nudo anche il vizio dei parlamentari italiani di pagare il portaborse in nero. Solo il 10% dei parlamentari aveva un collaboratore pagato con regolare contratto ed a norma di legge.

Le cadute di stile non si contano nemmeno più come quando si organizzano i Family Day e poi scopriamo che i politici che li affollano sono quelli che portano con sè il bagaglio multifamiliare da coniugare con i valori cattolici da sbandierare. Sono sempre quelli pronti a fare la morale agli altri salvo poi essere pescati con escort e cocaina nelle camere di alberghi di lusso della capitale.

Fanno semplicemente ribrezzo le dichiarazioni dell’onorevole Casini che redarguisce coloro i quali si oppongono alle manovre dell’attuale governo, fanno schifo soprattutto quando andiamo a leggere che l’onorevole Casini insieme a Rutelli e anti altri ex-democristiani e neo-democristiani hanno appena trascorso una vacanza alle Maldive alla modica cifra di 5700 dollari a notte. Direte che forse siamo caduti nel gossip mediatico, ma se non avessimo una classe dirigente così fashion di tutto questo non parleremmo. Purtroppo i telegiornali non parlano di tutti quei lavoratori che oggi devono ancora salire sulle torri e sulle ciminiere per difendere un posto di lavoro da 800-1000 euro al mese, di coloro i quali devono bloccare gli aeroporti soltanto per ottenere un colloquio con un Ministro che non vuole occuparsi di loro perchè la botanica li definisce ormai rami secchi e quindi esuberi.

Invece abbiamo una classe politica che abita i palazzi del potere che trova che le regole vadano sempre applicate ad altri e mai a se stessi. Non avete la faccia come il c… perchè non avete nemmeno la faccia ! Tornate pure a difendere i ladri di Cortina tanto in quel bar di Cortina, di Portofino o di Venezia non lo pagherete nemmeno il caffè, ve lo offrirà il proprietario in cambio del vostro silenzio e quindi del vostro assenso e del vostro tacito permesso a che lui continui a rubare!


Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

gennaio: 2012
L M M G V S D
« Dic   Feb »
 1
2345678
9101112131415
16171819202122
23242526272829
3031