Mauro Corona, ode all’acqua pubblica

“Non voglio essere di qualcuno”

Scultore, alpinista, arrampicatore, “padrone” delle valli del Trentino, scrittore (suoi, fra gli altri, La fine del mondo storto, Cani, camosci, cuculi (e un corvo), Le voci del bosco), Mauro Corona ha composto un’ode all’acqua pubblica. Diffusa in rete dai suoi amici

Mauro Corona, ode all'acqua pubblica "Non voglio essere di qualcuno" Mauro Corona

di MAURO CORONA

Per l’acqua

Fermi! Giù le mani dal mio passo argentato.

Non sono mica vostra! Non sono affatto vostra!

Non voglio essere di qualcuno.

continua su repubblica

0 Responses to “Mauro Corona, ode all’acqua pubblica”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

giugno: 2011
L M M G V S D
« Mag   Lug »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930