6 maggio, sciopero generale !!

 

Fonte: Loris Campetti – il manifesto

Lo sciopero generale non è più una chimera, non solo perché non è un animale mostruoso ma un toccasana per il nostro paese malato. Ora si sa che c’è davvero, che si svolgerà il 6 maggio e bloccherà l’Italia per provare a liberarla da un incubo. Doveva essere promosso prima dalla Cgil? Certo, ma è stato promosso. Non era scontato.

Il lungo tempo a disposizione va usato per prepararlo in modo capillare in tutti i luoghi di lavoro. C’è il tempo per coinvolgere l’intera società, in primo luogo le figure sociali lasciate sole dalla politica e colpite, prima dalla crisi poi dalle ricette liberiste adottate che amplificano le diseguaglianze, rendono i ricchi più ricchi e i poveri più poveri, distruggono diritti collettivi e libertà individuali, cancellano a un paio di generazioni la speranza di futuro. Poteva essere di 8 ore? I fatti e il confronto interno ed esterno raddoppieranno le micragnose 4 ore di sciopero indette dalla segreteria della Cgil. La Funzione pubblica l’ha già deciso, scuola, meccanici, commercio e molte camere del lavoro lo faranno. Non si tratta di fare il gioco del più uno ma di qualificare un appuntamento che dovrà diventare riferimento generale, dando corpo a una speranza di cambiamento mai così diffusa che può diventare massa critica. E di specificare che il sogno del patto sociale tra lavoro e imprese s’è infranto contro il muro della realtà, con la confindustriale Marcegaglia all’assalto dell’articolo 18 che pretende una giusta causa per il licenziamento. Per difenderlo, 9 anni fa in tre milioni hanno occupato Roma. Berlusconi se ne deve andare. Può comprarsi deputati e senatori, non un intero paese finalmente insofferente verso una guida politica populista, liberista, ad personam, che ci fa commiserare dal resto del mondo. Lo chiedono le donne, la società civile, le persone impegnate nella difesa dei beni comuni, del territorio e dell’ambiente, gli studenti, l’universo della precarietà. Da qui al 6 maggio si manifesterà in tutte le piazze con slogan diversi e obiettivi che sono, possono diventare, comuni. Berlusconi però, come killer della democrazia italiana è in buona compagnia: liberarsi di lui per tenersi Marchionne e i suoi soci al governo e in Confindustria non ci farebbe fare molti passi avanti. Insieme al sogno del patto sociale si è infranta l’illusione di ricostruire un’impossibile unità sindacale con Cisl e Uil. Gli accordi e i contratti separati si moltiplicano. L’attacco ai lavoratori Fiat si è esteso a tutte le tute blu, al mondo della conoscenza, del pubblico impiego e alle centinaia di migliaia di ragazze e ragazzi del terziario. Stanno cancellando il contratto nazionale e lo Statuto dei lavoratori, preparano l’affondo alla Costituzione. L’opposizione politica dovrebbe chiedersi come mai non rappresenti quest’Italia sottosopra, sennonché non si pone, da tempo, l’obiettivo di dare uno sbocco alla protesta politica, sociale, culturale, democratica. Lo sciopero generale della Cgil deve diventare una massa d’urto, capace persino di tentare l’obiettivo più ambizioso: scuotere l’antiberlusconismo di Palazzo. Il manifesto lavorerà alla generalizzazione dello sciopero. Non da solo: Uniti contro la crisi è già luogo di comunicazione e costruzione di percorsi condivisi tra tute blu, studenti, precari, giovani, militanti dei beni comuni.

0 Responses to “6 maggio, sciopero generale !!”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

marzo: 2011
L M M G V S D
« Feb   Apr »
 123456
78910111213
14151617181920
21222324252627
28293031