2010 punto di non ritorno!

Si, una buona notizia: l’energia solare costa meno di quella nucleare!

Mentre in Italia si stanno mettendo le basi per il ritorno al nucleare, uno studio recente, pubblicato il 26 luglio dal New York Times e quasi del tutto ignorato dai nostri principali mass media, ci mostra l’antieconomicità di questa fonte di energia, destinata nel prossimo futuro ad essere scalzata dall’energia solare, visto oramai il più basso costo di quest’ultima.

Lo studio, prodotto da John Blackburn, docente di economia presso la prestigiosa Duke University, indica che dal mese di luglio 2010 il solare costa meno del nucleare e la tendenza futura sarà costantemente in discesa, aumentando ulteriormente il divario tra i due costi, a vantaggio ovviamente dell’energia prodotta dal sole.

Inoltre, sempre dallo studio, si evidenzia come i costi di produzione dell’energia tramite nucleare siano invece di tendenza opposta, cresciuti costantemente nel periodo preso in esame e destinati a crescere anche nei prossimi anni.

Produrre con il solare oggi costa 0,16 dollari al kilowatt, esattamente come il nucleare. Quale quindi la scelta giusta per il nostro paese? Il ritono al nucleare? O scegliere un’energia più pulita e disponibile in enormi quantità proprio sopra di noi?

L’attuale governo di destra, sembra proprio scegliere la via del nucleare e con essa sembra imboccare un punto di non ritorno. Una scelta sbagliata adesso, proprio in questo momento così critico per il lavoro e lo sviluppo, pone le basi per la completa regressione della nostra economia futura che sarà sempre più vincolata ai costi, sempre meno competitivi, che il nucleare imporrà.

Costi che graveranno, come sempre, sulla collettività e quindi sulle casse dello stato, oramai già spolpate fin quasi all’osso e forse solo buone per farci un blando brodino. E si sa, con un brodino le energie vengono sempre meno e per stare in piedi ci riproporranno l’olio di ricino e, se qualcuno non ne vorrà, passeranno al manganello. Guarda a caso giusto quello che questo governo di destra sta proprio facendo.

Auguri Italia.

0 Responses to “2010 punto di non ritorno!”



  1. Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...




Rifondazione c’è!

Luca Mercalli: PREPARIAMOCI

Calendario delle pubblicazioni

settembre: 2010
L M M G V S D
« Mag   Ott »
 12345
6789101112
13141516171819
20212223242526
27282930  

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: